Riscaldamento con saluti al sole

Sequenza energizzante per la mattina

Durata: 20 min
Livello: Tutti i liv.
Stile Yoga: Hatha Yoga

Presentazione lezione

Quando ci svegliamo, il nostro corpo è molto rigido ed iniziare di tutta fretta a fare Saluti al Sole a raffica, non è proprio il massimo.

Per evitare che il Saluto al Sole diventi una pratica controproducente, sarebbe meglio dare al corpo e ai muscoli il giusto tempo per poter​si svegliare e preparare alla seria di Saluti al Sole.

Per questo, nella lezione di oggi, voglio mostrarti una serie di asana di riscaldamento, in seguito alle quali eseguiremo assieme 3 ripetizioni del Saluto al Sole.

Ti ricordo che se già conosci a memoria la successione delle posizioni dei Saluti al Sole, potrai eseguirli seguendo il ritmo naturale del tuo respiro.

Buona giornata 😉

Risorse utili:

Come faccio ad accedere alla lezione?

Se sei un abbonato a Yoga n’ Ride, hai già accesso illimitato a questa lezione. Accedi e poi torna su questa pagina per visualizzare il video della lezione.

Se invece non hai ancora attivato un abbonamento a Yoga n’ Ride, puoi dare un’occhiata a questa pagina, dove trovi tutte le informazioni utili a capire come funziona l’abbonamento al sito, ed a scoprire tutti i fantastici contenuti che abbiamo pronti per te.

Altre lezioni che potrebbero interessarti:

11 min Tutti i Liv. Mudra

Mudra del cuore

La pratica di questo mudra aiuta a rafforzare il cuore e produce un benefico rilassamento nella zona del torace.

13 min. Tutti i Liv. Respirazione

Respirazione per dormire meglio

Questa lezione è ideale da fare la sera prima di andare a dormire per lasciare andare le tensioni mentali

25 min. Tutti i Liv. Hatha Yoga

Yoga per dormire meglio

Questa lezione è ideale da fare la sera prima di andare a dormire per aiutarci a scaricare le tensioni accumulate nel corso della giornata ed avere un sonno rigeneratore e profondo.

18 commenti su “Riscaldamento con saluti al sole”

  1. Ciao Laura,

    siamo Claudio e Serafina di 64 anni. Abbiamo iniziato da poco con il programma dei principianti ed oggi ci siamo incontrati/scontrati con il saluto al sole. Non siamo proprio a digiuno con lo yoga ma stasera è stato difficile seguire il ritmo. Abbiamo pensato perciò di seguire i programmi 15 minuti, poi passare al 30 minuti e poi quello della flessibilità. Abbiamo scelto questo iter pensando di arrivare senza grossi problemi. Il nostro ideale sarebbe quello di seguire un percorso un pò più lento soffermandoci più in profondita su ogni asana. Che cosa ne pensi? Ci fai sapere se è il programma migliore per noi?

    Rispondi
    • Ciao Claudio e Serafina,
      grazie per il vostro commento, sarò felice di potervi consigliare.

      Mi fa molto piacere che già conoscete lo yoga e posso capire che abbia trovato qualche difficoltà a seguire il mio ritmo nella pratica del saluto al sole. Per praticare questa sequenza, l’ideale sarebbe seguila seguendo il ritmo del proprio respiro e praticando la variante adatta al proprio corpo.

      Per questo motivo, sempre che non lo abbiate già fatto, vi suggerisco di guardare con questi video, in modo da comprendere le diverse possibilità di esecuzione del saluto al sole:

      – Come fare la posizione del cane a testa in giù (10 minuti)
      – Come fare il saluto al sole (26 minuti)
      – Saluto al sole semplificato (10 minuti)

      – Come appoggiare le mani nello yoga (7 minuti)

      Per quanto riguarda il percorso da voi scelto, mi sembra n’ottima idea.

      Tuttavia, una volta terminato il programma da 30 minuti al giorno, il mio consiglio è quello di seguire il Programma per Ogni Stagione, che è un programma equilibrato che vi permette di praticare seguendo una routine bilanciata ed in linea con le indicazioni ayurvediche per la stagione.

      Attraverso questa iniziativa, ogni sabato ricevete una mail di approfondimento con delle lezioni consigliate per la settimana, suddivise in lezioni di differente durata (1 ora – 30 minuti – 15 minuti), lezioni di Yin Yoga, rilassamento, meditazione e mudra.

      Questo vi permetterà di organizzare la vostra pratica al meglio secondo le vostre esigenze, magari preferendo le lezioni di Yin Yoga, che è uno stile che permette di soffermarsi più a lungo sulle asana.

      (Considerate inoltre che le mail del programma stagionale, vengono inviate automaticamente anche se si è già iscritti ad altri programmi, questo per permettervi di seguire alcuni consigli teorici pratici ma non è necessario praticare lezioni proposte).

      Spero di esservi stata utile e per qualsiasi cosa, sono qui felice di potervi aiutare e consigliare.

      Buona pratica
      un abbraccio & Namaste

      😊🙏🌟

      Rispondi
  2. Ciao Laura,
    dimenticavo un’ altra domanda.
    Dopo il passaggio ginocchia, gomiti, mento a terra, si entra nella posizione del cobra.
    A me questo passaggio dal toccare il mento a terra , al portare il petto a terra, non mi viene spontaneo per niente me mi sembra forzato e poco fluido( fatto da me) ….qualche consiglio?

    ps: so che potrebbe sembrare una domanda banale ma mi blocca un sacco.

    Grazie e Namaste

    Rispondi
    • Ciao Francesca,
      grazie a te, mi fa davvero piacere che ti piaccia questa lezione!

      Per quanto riguarda la posizione del bambino, non ti preoccupare, è piuttosto comune che i glutei tendono a staccarsi dai talloni, l’importante è che non senti fastidio o dolore nella posizione.

      Inoltre, se ti va, puoi approfondire i dettagli e le varianti di questo asana nel seguente video: Posizione del bambino

      Invece per quanto riguarda il Saluto al Sole, considera che all’inizio è difficile riuscire a coordinare i movimenti con il respiro, soprattutto la prima volta e capita di sentirsi un po’ persi nella pratica.
      Per questo motivo ti consiglio di iniziare a prendere confidenza con la sequenza dei movimenti senza concentrarti sul respiro e quando avrai più familiarità, potrai provare a portare l’attenzione al respiro e cercare di coordinarlo con i movimenti.

      In particolare, per aiutarti a “studiare” la sequenza, puoi dare un’occhiata alla lezione tutorial: Come fare il Saluto al Sole. In più, ti suggerisco di dare un’occhiata anche alla lezione Saluto al Sole semplificato che ti permetterà di trovare delle varianti per i passaggi che per ora ti risultano difficili.

      Ad ogni modo, vedrai che con il tempo e la pratica, anche i passaggi che ti sembrano ostici e ti bloccano, inizieranno a fluire naturalmente. Come sempre, l’importante è rispettare i propri limiti, mai forzare e praticare col sorriso sulle labbra.

      Spero di esserti stata utile e mi farebbe super piacere sapere come evolve il tuo rapporto con il Saluto al Sole!
      Buona pratica & Namaste

      Rispondi
  3. Ciao Laura,

    grazie tante per un ‘ altra bellissima lazione ,come sempre.
    Anch’ io ho notato che il video si blocca spesso e adesso che ci faccio caso sempre negli stessi punti, ma pensavo fosse la mia connessione!
    Anyway…

    Volevo dirti che quando faccio la posizione del bambino, i glutei tendono a staccarsi dai talloni, e normale o lo sto facendo male?
    Per quanto rigurada i saluti al Sole, ho fatto molta fatica a seguire il video. Essendo la prima volta che faccio questa sequenza nn sono riuscita a seguire, controllare le mie posizioni e respirare, aaaaa……e normale? C’ e per caso un video nascosto nel quale possa “studiare” questo asana per poi essere fluente quando seguo i video? Oppure te cosa mi consigli?

    Grazie 🙂

    Rispondi
  4. Ciao Laura,
    le tue lezioni sono molto appassionanti. Ho provato a seguire questa che però si blocca in due punti, intormo tra i 4 minuti e i 5 minuti.
    lo segnalo non so se succede solo a me.
    Grazie per quello che fai
    Namasté 😉

    Rispondi
    • Ciao Laura, confermo quanto scritto da Diletta.
      Namaste 🙂

      Rispondi
      • Ciao Maria Laura,
        grazie a te! Buona continuazione, Namaste 😊🙏

        Rispondi
  5. Ciao Laura! Come stai :)? Da più di 2 settimane seguo con costanza le tue lezioni (anche il corso di meditazione 10×30, bellissimo) unito alla pratica giornaliera dei 5 tibetani. Inizialmente mi sentivo molto sciolta ma ora ho notato che spesso ho un po’ di fastidio alla schiena (soprattutto zona scapole, o in basso) e quando faccio alcune posizioni (ad esempio da distesa sollevo le gambe dritte) sento come uno sciocco a metà schiena. Eppure ho controllato tante volte le posizioni e mi sembra di farle correttamente…sto sbagliando qualcosa e non me ne rendo conto? O magari è perché sto sollecitando dei muscoli mai “usati”? Grazie mille 🙏

    Rispondi
    • Ciao Clara,
      grazie per avermi contatta, sarò felice di risponderti.
      Se ritieni di essere stata attenta e non aver mai forzato le posizioni, allora è molto probabile che la sensazione nella schiena, come ipotizzavi anche tu, sia una conseguenza del fatto che stai utilizzando dei muscoli mai usati. Ad ogni modo, ti consiglierei di praticare con molta gentilezza le torsioni e di dedicarti almeno una volta la settimana al risposo e/o ad una sequenza di rilassamento guidato yoga nidra.
      Sarei felice se mi tenessi aggiornata, nel frattempo ti mando un abbraccio grande.
      Buona giornata & Namaste

      Rispondi
      • Ciao Laura, grazie mille per la risposta! Seguirò sicuramente il tuo consiglio, nel mentre devo dire che negli ultimi due giorni mi sono invece sentita benissimo, molto sciolta! Speriamo sia solo questione di pratica 🙂 Un abbraccio! Ps oggi ho fatto la meditazione della montagna e mi sono emozionata perché anche io ho fatto quel trekking, mi ha dato tanta positività per affrontare il lunedì, grazie!!

        Rispondi
        • Ciao Clara,
          che bello, mi fa molto piacere che ti senti più sciolta e che anche tu hai fatto lo stesso trekking. Il Nepal è davvero magico e credo che anche per te sia stata un’esperienza straordinaria arrivare fino a lassù.
          Buona settimana, un abbraccio 😊🙏

          Rispondi
  6. Buongiorno cara Laura!ed io che dicevo….dai, 20 minuti di Saluti al Sole saranno mica pochi?
    Ho eseguito quasi l intera pratica con la tachicardia costante..e il fiatone! 🤪
    Questo a dimostrazione che ,come consigli sempre,ogni cosa ha bisogno di molto eserCIzio nel rispetto dei propri limiti…
    Grazie e buona giornata

    Rispondi
    • Ciao Greta,
      si in effetti anche se non sembrerebbe, è una pratica bella intensa. Immagina che per il solstizio d’estate di solito si fanno ben 108 Saluti al Sole 😜
      Buona continuazione, un abbraccio

      Rispondi
  7. Ciao Laura,
    ho iniziato a praticare le tue lezioni da pochi mesi e devo dire che mi trovo molto bene.
    Questa lezione è fantastica! Mi sta aiutando molto e piano piano sto diventando più flessibile.
    Volevo chiederti se ci sono delle lezioni sullo psoas e sul diaframma e se me le potresti indicare.
    Ti ringrazio molto.
    Cinzia

    Rispondi
    • Ciao Cinzia,
      wow, ti ringrazio tantissimo per le tue parole :))
      E’ un piacere sapere che ti stai trovando bene e che percepisci i benefici dello yoga, significa che stai facendo le cose bene, complimenti!
      Per quanto riguarda la tua domanda, la realtà è che non c’è nessuna lezione specifica per lo psoas ed il diaframma, anzi, ti ringrazio per lo spunto perchè le metterò nella lista delle prossime lezioni da preparare.
      Nel frattempo, ci sono comunque altri video che comprendono asana per allungare e rilassare lo psoas e te le elenco di seguito:

      Speciale bicipite femorale e piriforme
      Rilassa e rinforza le gambe
      Anche e gambe flessibili

      Mentre, per quanto riguarda il diaframma, potrebbe esserti utile questa lezione:

      Migliora la capacità respiratoria

      Per ora è tutto, spero di esserti stata utile e ti auguro una splendida continuazione,
      un abbraccio & Namaste

      ??

      Rispondi
  8. Buongiorno Laura e grazie per questa bellissima lezione!
    Quando è meglio praticare la mattina?appena svegli e prima di fare colazione?al mattino sono sempre di corsa e faccio un po’ fatica a svegliarmi…
    Ti ringrazio e namaste ?

    Rispondi
    • Ciao Camilla,
      Grazie per il tuo commento, sarò felice di riprenderti.

      Pe risponderti brevemente, posso dirti che sarebbe meglio praticare la mattina appena svegli ed a stomaco vuoto, prima di colazione quindi.

      Se però vuoi approfondire questo argomento, forse potrebbe interessarti leggere l’ articolo che ti metto di seguito dove, oltre a rispondere alla domanda che mi hai fatto, trovi anche altre curiosità.

      8 domande comuni sullo yoga

      Buona continuazione, un abbraccio e ci vediamo alla prossima!

      Rispondi

Lascia un commento