Disintossicati

Eliminiamo un po’ di tossine dal corpo

Durata: 37 min
Livello: Tutti i liv.
Stile Yoga: Hatha Yoga

Presentazione lezione

Disintossicare il corpo con lo yoga è semplice; attraverso qualche asana e le tecniche di respirazione, possiamo facilmente aiutare il nostro corpo ad eliminare le tossine.

Questa sequenza comprende una pratica di purificazione e una serie di posizioni di torsione. Questi asana sono particolarmente adatti per aiutare l’organismo a disintossicarsi perchè stimolano e massaggiano gli organi interni, in particolar modo il fegato che è l’organo preposto al filtraggio del sangue e all’ eliminare delle sostanze nocive.

Quando facciamo gli asana di torsione, a causa della posizione anatomica del fegato in relazione al movimento di torsione, il fegato viene irrorato di sangue fresco e quindi nuovo ossigeno.

Concluderemo la pratica con uno speciale rilassamento guidato per purificare i polmoni.

Buon detox!​

Come faccio ad accedere alla lezione?

Se sei un abbonato a Yoga n’ Ride, hai già accesso illimitato a questa lezione. Accedi e poi torna su questa pagina per visualizzare il video della lezione.

Se invece non hai ancora attivato un abbonamento a Yoga n’ Ride, puoi dare un’occhiata a questa pagina, dove trovi tutte le informazioni utili a capire come funziona l’abbonamento al sito, ed a scoprire tutti i fantastici contenuti che abbiamo pronti per te.

Altre lezioni che potrebbero interessarti:

30 min. Tutti i Liv. Hatha Yoga

Fluire

È una lezione adatta a tutti i livelli, ideale da fare la sera, oppure d’estate o nei momenti in cui senti il bisogno di lasciare andare tensioni.

30 min. Tutti i Liv. Hatha Yoga

Yoga per la luna nuova

Questa lezione è ideale da fare nel giorno di luna nuova, ma anche nei due tre giorni antecedenti e successivi.

12 min. Tutti i Liv. Mudra

Mudra per il mal di schiena

Questa pratica è consigliata specialmente nei momenti di dolore acuto alla schiena, soprattutto nella zona lombare, ed in generale se soffri abitualmente di mal di schiena.

24 commenti su “Disintossicati”

  1. Bellissima lezione, alla fine un senso di pace e gioia ! Grazie 🥰🙏
    Volevo chiederti se è possibile ricevere un programma alimentare detox, ne ho bisogno, oppure se mi puoi indicare qualcosa. Grazie Grazie Grazieeee!!!!

    Rispondi
    • Ciao Elisabetta,
      che bello, mi fa molto piacere che la lezione sia andata bene.
      Mi spiace molto però, per quanto riguarda un programma alimentare detox, poichè non sono un medico ayurveda, preferisco evitare di dare consigli alimentari specifici.

      Per quanto riguarda il rapporto tra yoga e alimentazione invece, gli antichi testi sacri davano questa definizione:

      “Lo yoga non è per colui che mangia troppo, e nemmeno per colui che mangia troppo poco.” (Bhagavad gita).

      Si basavano quindi su un principio di equilibrio, ma non davano indicazioni su quali cibi fossero più appropriati.

      L’alimentazione di uno yogin è basata sui principi dell’Ayurveda, ovvero la tradizionale medicina indiana, la più antica al mondo, i cui insegnamenti risalgono ai Veda, i famosi testi sacri scritti oltre 4 mila anni fa.

      L’Ayurveda, infatti, non classifica il cibo in proteine, carboidrati o grassi, ma li classifica secondo l’effetto che hanno sul corpo e la mente:

      il cibo Sattvico è quello che ti fa sentire “leggero”; (la maggior parte di frutta e verdura),
      il cibo Rajasico è quello che provoca “l’irrequietezza”; (caffè, cioccolato, peperoncino, alcolici),
      il cibo Tamasico è quello che ci rende “letargici” (cipolla, aglio, funghi, formaggi con muffe).

      L’alimentazione quindi è considerata un mezzo per ristabilire equilibrio nel corpo.

      Sempre secondo la tradizione, l’alimentazione di uno yogin si deve basare principalmente sul consumo di frutta, verdura e cereali, e, secondo il principio della non violenza (Ahimsha), anche nell’astensione dal sacrificio di tutte le forme di vita.

      E’ per tutte queste ragioni che molti yogin sono vegetariani o vegani.

      Ovviamente, non è assolutamente obbligatorio essere vegetariani per poter praticare yoga, quella di diventari vegetariani o vegani è una scelta personalissima.

      Quello che la pratica dello yoga, e la comprensione dei suoi insegnamenti, farà è generare una maggiore sensibilità nei confronti di ciò che utilizziamo per alimentare il nostro corpo. (E anche verso la quantità di cibo che ingeriamo.)

      Ma è un processo che fluisce naturalmente e non deve essere forzato.

      Quando viene risvegliata in noi la consapevolezza che l’alimentazione è una questione davvero importante, e che il cibo non è solo una gratificazione emotiva, o un’azione con cui riempire un vuoto, ma è il nostro nutrimento e la nostra fonte di vita, che si inizia a sviluppare il desiderio di vivere l’alimentazione in maniera differente, imparando ad ascoltarsi e scegliendo cibi sani che nutrono e ci fanno stare veramente bene.

      Da un punto di vista della pratica yoga invece, sempre che tu non lo stia già seguendo, posso consigliarti di seguire il programma disintossicante che, abbinato ad un regime alimentare “yogico” ed a uno stile di vita sano è perfetto per ripristinare equilibrio psico- fisico.

      Spero di esserti stata utile,
      buona continuazione, un abbraccio & Namaste
      😊🙏🌟

      Rispondi
  2. Ciao Laura,
    innanzitutto grazie per le tue lezioni, in particolar modo questa che ho trovato davvero efficace.
    Sento beneficio attraverso tutte le torsioni, ma quando ci sono di mezzo le anche (vedi per esempio” posizione della sedia”) ho sempre un fastidio abbastanza acuto, tale che ad un certo punto devo smettere di fare la posizione e mettermi in piedi.
    Hai per caso qualche suggerimento?
    Ancora grazie 🙂

    Rispondi
    • Ciao Mariachiara,
      Buongiorno!Grazie per il tuo commento, sarò felice di risponderti.

      Considera che nello yoga non si dovrebbe mai sentire dolore, ma ciò che dobbiamo ricercare è il nostro punto di equilibrio che è una sensazione allungamento piacevole che si trova nel mezzo tra un allungamento profondo (eccessivo) ed un rilassamento eccessivo.

      Per questo motivo, se questa posizione ti causa dolore, va benissimo evitare di farla. In alternativa, puoi comunque fare la posizione della montagna che di per se, anche se sembra un asana molto semplice, ha un sacco di benefici.

      In più, poiché non ho ben capito dove è localizzato il dolore nello specifico, ti darò alcuni consigli in generale per provare a fare la posizione della sedia e vedere se in questo modo puoi evitare di sentire dolore ma ti ripeto, nel caso la sensazione continuai persistere nonostante questi accorgimenti, evita tranquillamente di farla.

      1. Prova a piegarti di meno, (quindi piegando di meno le ginocchia).
      2. Cercare di mantenere la schiena neutra attivando bene gli addominali
      3. Mantieni le braccia allungate in avanti anziché verso l’alto

      Spero di esserti stata utile,
      Buona continuazione, un abbraccio

      Rispondi
  3. Ciao Laura
    bella lezione, mi piace molto che spieghi anche la parte spirituale e non solo le posizioni. Posso chiederti quante posizioni ci sono ( yin yoga, yoga nidra, kundalini yoga ecc in ogni tipo, si ripetono spesso)
    Scusa se non mi sono spiegata ma non è molto chiaro.
    grazie un abbraccio elena

    Rispondi
    • Ciao Elena,
      grazie per le tue parole, sarò felice di risposnderti.

      Per quanto riguarda le posizioni nello yoga, come sostenevano gli antichi maestri sono circa 84 mila 🙂

      Considera però che ogni stile di yoga, utilizza un determinato numero di posizioni, ad esempio: yoga nidra implica solo una posizione, nello yin yoga se ne utilizzano circa una trentina mentre nello Hatha yoga più o meno un centinaio. Per quanto riguarda il kundalini yoga mi spiace ma non è uno stile che insegno e non saprei dirti con esattezza.

      Nelle mie lezioni di hatha yoga, cerco sempre di inserire alcune posizioni nuove ma in generale ripropongo molti asana poichè in questo modo una persona può rendersi conto dei miglioramenti, prendere dimestichezza con l’asana ed in più se una posizione ha dei benefici potenti, è inutile cambiarla o cercare alternative.

      Considera che gli antichi maestri di yoga dicono che non si è mai finito di imparare una posizione anche molto semplice come tadasana. Se ci abituiamo ad ascoltare il corpo, ci rendiamo conti che ogni giorno la stessa posizione è diversa ed ha sempre qualcosa di nuovo da insegnarci.

      Spero di esserti stata utile e per qualsiasi cosa, sono qui, felice diporti accompagnare in questo straordinario viaggio.

      Un abbraccio grande
      Namaste

      Rispondi
  4. Wow Laura, alla fine di questa lezione oggi mi è venuto proprio da scriverti! L’ho sentita potentissima e per la prima volta mi è venuto da “recitare” l’Om spontaneamente a voce alta…di solito lo recitavo solo mentalmente. Ne avevo proprio bisogno.
    Grazie perché fare yoga con te mi aiuta molto soprattutto in questi giorni di iper stress a lavoro, sonno trascurato e preoccupazioni da virus! Ti auguro di star bene. Ciao!

    Rispondi
    • Ciao Giorgia,
      grazie a te per le tue parole, è molto gratificante sapere che ti sei sentita così. Significa che hai praticato benissimo e che stai comprendendo la vera essenza dello yoga, yeah! Buona continuazione, un abbraccio 😊🙏

      Rispondi
  5. Laura, bella la lezione se nn fosse x una torsione verso la fine che mi ha dato del filo da torcere eh he! Ho dei problemi alla schiena (spondilolistesi, mi pare si dica così) e con le torsioni appunto faccio fatica. Ho mandato il link ad un amico. Mi Mi sa che diventerà un tuo allievo
    Hari Om

    Rispondi
    • Ciao Roberto,
      grazie mille per le tue parole.
      Per quanto riguarda le torsioni, considerando la tua situazione, dovresti praticarle con moooooltissima cautela. Cerca sempre di ascoltare il tuo corpo ed evitare di forzare le posizioni, e se anche una piccola torsione ti causa fastidio o dolore, allora nel tuo caso è preferibile evitare di farla.
      Grazie anche per la condivisione.
      Buona continuazione, un abbraccio

      Rispondi
  6. Bellissima, se non fosse x il ‘cane’. Namasté

    Rispondi
    • Ciao Virginia,
      grazie! Se ti riferisci alla difficoltà a fare la posizione del cane a testa in giù, ti consiglio di guardare il video che ti metto di seguito in quanto, ti spiegherò passo passo come adattare la posizione al tuo corpo in modo che possa essere facile e corretto.

      https://pro.yoganride.com/video/pos-del-cane-a-testa-in-giu-adho-mukha-svanasana/

      Buona continuazione, un abbraccio 😊🙏💖

      Rispondi
  7. ciao Laura! finalmente grazie ai tuoi corsi riesco a fare yoga seriamente e con costanza! É comodissimo poter scegliere in quale momento della giornata praticare in base al mio tempo libero e anche al mio stato d’animo 🙂 Apprezzo molto le tue “chicche” che ogni lezione ci dai tipo la tecnica di purificazione che abbiamo fatto all’inizio di questa lezione e la visualizzazione nel rilassamento finale o i mudra che ci inserisci qua e la! quindi complimenti!!! solo una curiosità: in molti video di yoga che trovi in rete c’é un sottofondo musicale, aiuta il rilassamento, che ne pensi? alla prossima lezione! namaste’

    Rispondi
    • Ciao Gessica,
      grazie mille per le tue parole e complimenti per la tua costanza e voglia di praticare.
      Ho letto con piacere anche il tuo suggerimento. La realtà è che sono molto combattuta sull’inserimento della musica di sottofondo poichè non a tutti potrebbe piacere. Per questo motivo preferiamo lasciare il video senza musica e fare in modo che siate voi a scegliere che sottofondo musicale utilizzare.
      Per aiutarvi nella scelta, abbiamo scritto un post specifico (di seguito ti lascio il link) con indicazioni sul tipo di musica adatta.

      https://yoganride.com/15-idee-musica-yoga/

      Grazie ancora e ci vediamo alla prossima, un abbraccio! ???

      Rispondi
  8. Scusate gli errori …è da diversi….

    Rispondi
    • Non ti preoccupare e grazie ancora :)))

      Rispondi
  9. Bella lezione ,abbiamo bisogno di purificare mente e corpo e questa lezione con ci aiuta. Io e da diversi anni che ogni mattina a digiuno bevo un bicchiere di acqua e limone e ogni tanto faccio cicli aggiungendo una puntina di zenzero …buona disintossicazione a tutti?

    Rispondi
    • Ciao Anna,
      grazie per la tua testimonianza :)))
      L’acqua col limone la mattina è una fantastica abitudine che anche io porto avanti da tempo. Una volta all’anno faccio anche un ciclo detox bevendo, per circa un mese, il succo di aloe vera (assicurandomi che contenga almeno il 99% di aloe vera perchè in commercio c’è di tutto!). Buon detox e alla prossima 😉

      Rispondi
  10. Ciao Laura,grazie per questa lezione disintossicante e grazie per tutte le altre lezioni sempre chiare e piacevoli da fare…Namaste’

    Rispondi
    • Grazie a te Anna, è un vero piacere poterti “guidare” sul tappetino. Buona continuazione e Namaste 😉

      Rispondi
  11. Adoro tutti i tuoi video. Ogni giorno eseguo una pratica diversa.. Alla fine di ogni lezione mi sento più” leggera ” mentalmente e più energica. Grazie per pubblicare i tuoi video

    Rispondi
    • Grazie Licia, è bello sapere che ti senti più leggera ed energica… è la magia dello yoga! Buona pratica 😉

      Rispondi
  12. Bella lezione e davvero utile. Oltre a disintossicare il corpo mi ha dato l’impressione anche di disintossicare la mente dai pensieri…finisci la lezione e ti senti più leggera.
    Mi piacerebbe imparare altre tecniche di Pranayama e Asana per purificare gli organi interni.

    Rispondi
    • Grazie Cristina, mi fa piacere che la lezione ti sia piaciuta e grazie anche per lo spunto delle lezioni, appena ne inserirò qualcuna nella programmazione 😉

      Rispondi

Lascia un commento