Yin yoga per anche e schiena

Una pratica statica e rilassante

Durata: 38 min
Livello: Tutti i liv.
Stile Yoga: Yin Yoga

Presentazione lezione

In questa lezione ti propongo di fare un po’ di Yin yoga.

In particolare ci focalizzeremo sulla zona delle anche e la zona lombare della schiena.

L’Yin yoga ha la caratteristica di essere molto utile per eliminare lo stress quindi puoi fare questo video la sera, specialmente dopo una giornata passata in piedi, seduto alla scrivania, in macchina ma anche dopo un lungo viaggio in aereo.

Diversamente, se esegui questa lezione la mattina, sarà particolarmente utile per migliorare la circolazione nel corpo e la flessibilità. Ideale se devi prepararti ad affrontare un’energica giornata in piedi.

Buona pratica e ci vediamo alla prossima!

Come faccio ad accedere alla lezione?

Se sei un abbonato a Yoga n’ Ride, hai già accesso illimitato a questa lezione. Accedi e poi torna su questa pagina per visualizzare il video della lezione.

Se invece non hai ancora attivato un abbonamento a Yoga n’ Ride, puoi dare un’occhiata a questa pagina, dove trovi tutte le informazioni utili a capire come funziona l’abbonamento al sito, ed a scoprire tutti i fantastici contenuti che abbiamo pronti per te.

Altre lezioni che potrebbero interessarti:

17 min. Liv. 2 Hatha Yoga

Energia di libertà

Questa sequenza è ideale da fare al mattino per iniziare la giornata con energia, vitalità ed una bella sensazione di leggerezza.

25 min. Tutti i Liv. Yoga Nidra

Yoga nidra: grotta del cuore

In questo rilassamento guidato faremo un bel viaggio all’interno del nostro cuore.

36 min. Tutti i Liv. Hatha Yoga

Calore, resistenza, radicamento

Questa sequenza aiuta a generare calore nel corpo, aumentare la resistenza fisica ed il radicamento.

13 commenti su “Yin yoga per anche e schiena”

  1. Bellissima pratica,semplice ma molto rilassante dopo una giornata di lavoro molto molto pesante!Ora un buon sonno non me lo leva nessuno!Namaste!

    Rispondi
    • Ciao Marzia,
      fantastico, mi fa molto piacere che ti sei sentita così.
      Ti auguro una splendida giornata 🙂

      Rispondi
  2. Ciao Laura, grazie per questa bella pratica. Vorrei acquistare un bolster….mi puoi dare qualche consiglio?

    Rispondi
    • Ciao Cristina,
      Grazie per le tue parole, sono felice di risponderti. Mi fa molto piacere che ti piaccia questo stile, anche io lo adoro, mi rilassa in un modo incredibile.

      Per quanto riguarda la tua richiesta, i fattori da tenere in considerazione per l’acquisto di un bolster sono : la fodera, l’imbottitura e la dimensione.
      Accertati che la fodera esterna sia di un materiale naturale, come il cotone per esempio e che sia sfoderabile, per permettere il lavaggio in lavatrice.

      Inoltre, verifica sempre prima di acquistare le dimensioni ed il peso.
      In genere le dimensioni standard sono circa 60 cm x 22 cm di diametro ed il peso varia da 2,5 kg a 4 kg in funzione del riempimento.

      Considera che un bolster più leggero è più facile da trasportare e duttile durante la pratica.

      Infine, l’imbottitura viene generalmente proposta in cotone, pula di farro o grano saraceno.
      In genere, queste ultime due imbottiture hanno la caratteristica di adattarsi meglio al corpo ma col tempo tendono ad assottigliarsi e quindi a perdere di volume.

      Ti consigliamo di evitare i bolster riempiti con polistirolo o materiale sintetico perché, anche se hanno il vantaggio di essere leggeri ed economici, con il tempo tendono ad assottigliarsi troppo.

      Un altro aspetto da considerare è valutare che l’imbottitura abbia una cerniera per poterlo svuotare un po’ nel caso sia troppo rigido.

      Attualmente Laura ne sta utilizzando uno di Calming Breath Yoga in cotone imbottito di grano saraceno, acquistato su Amazon ma che purtroppo al momento non è disponibile. Ad ogni modo anche quelli della marca Preset mind sono molto validi. Ne trovi un esempio a questo link:

      https://www.amazon.it/Present-Mind-Bolster-Yoga-Cilindro/dp/B08BWX74LB/ref=sr_1_8?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&dchild=1&keywords=bolster&qid=1610360562&s=sports&sr=1-8

      Spero di esserti stata utile e ricorda che per qualsiasi cosa, sono sempre qui!

      Buona continuazione
      un abbraccio & Namaste

      Rispondi
  3. Ho trovato questa lezione molto adatta alle giornate caldissime e umide di quest’estate. Sono riuscita comunque a fare la mia pratica di mattina presto e, secondo me, queste lezioni di yin yoga sono l’ideale per le giornate in cui il termometro segna 30 gradi già alle 7 del mattino…

    Rispondi
    • Grazie mille per la tua recensione Cristina 🙂
      Complimenti a te che approfitti delle prime ore fresche del mattino per fare un po’ di yoga, yeah!?

      Rispondi
  4. Ho trovato questa lezione molto bella. L’utilizzo dei supporti mi piace molto. Mi piace molto quel continuo tuo ricordare di ritornare nel momento presente, è di grande aiuto.
    Grazie di cuore
    Manuela

    Rispondi
    • Ciao Manuela,
      grazie a te per le tue parole.

      Buona continuazione & Namaste ???

      Rispondi
  5. Bella lezione ma non con gli stessi effetti delle altre, anzi continuo ad avvertire dolenzimento nella bassa schiena (zona sacro/basse reni), forse ho sbagliato in qualcosa. Il pavimento era freddo ed anche la giornata, credo abbiano influito ma lasciamo scorrere :-).

    PS: un suggerimento mi sento di darlo, avendo seguito la lezione da PC, potrebbe eesere utile avere aperta anche una pagina youtube e in parallelo con volume più basso/sottilissimo fondo rispetto alla voce di laura lasciar scorrere musiche per meditazione, io preferisco quelle indiane con il tipico flauto tipo questa che posto:

    https://youtu.be/FRuxKW5weQ8

    Rispondi
  6. CARA LAURA LEZIONE BELLA ED INTERESSANTE, MA PER ME CHE NON AMO I SUPPORTI, SINCERAMENTE NON BUONA, CREDO SIA COMUNQUE ADATTA A TUTTI COLORO CHE AVENDO RIGIDITA’ FATICANO A MANTENERE LE ASANA A LUNGO, PREFERISCO UNO YOGA CHE RISPETTA LE “RIGIDITA’ DEL CORPO, IMPARANDO VIA VIA AD ALLENTARLE ATTRAVERSO IL RESPIRO.

    Rispondi
    • Ciao Daniela,
      grazie per il tuo commento che mi da l’opportunità di approfondire alcuni aspetti di questo stile.
      Come dice Bernie Clark, cioè l’insegnante che ha ideato questa pratica, in realtà, i supporti servono sia alle persone con poca flessibilità, ma anche a chi ne ha molta poichè hanno lo scopo di rendere le posizioni più comode possibili per evitare di allungare eccessivamente i muscoli in quanto l’obiettivo di questo stile non è quello di un allungamento muscolare o di eliminare le rigidità del corpo ma di stimolare il tessuto connettivo, le ossa e le articolazioni. Solamente quando i muscoli sono rilassati, e cioè rimanendo immobili nelle posizioni, si può agire su queste parti del corpo.
      Ad ogni modo, è chiaro che non tutti gli stili di yoga possano piacere a tutti… è un po’ come la scelta del cibo. Ci sono persone alle quali piace la pizza, altre no 🙂
      Spero di esserti stata utile, buona continuazione, un abbraccio.

      Rispondi
    • Bellissima pratica, grazie 🙏🌈🌸💚

      Rispondi
      • Grazie a te Silvana 😊🙏🌟

        Rispondi

Lascia un commento