Respirazione a tamburo (Mridanga)

Una tecnica di controllo del respiro (pranayama), utile per purificare i polmoni

Durata: 9 min
Livello: Tutti i liv.
Stile Yoga: Respirazione

Presentazione lezione

In questo video, ti spiego come fare la respirazione a tamburo, ovvero una fantastica tecnica di controllo del respiro (pranayama), utile per purificare i polmoni.

Questa respirazione è particolarmente utile da fare in autunno per bilanciare le energie di Vata dosha, ideale per i fumatori e tutte quelle persone che sono alla ricerca di una sensazione di leggerezza nel petto per sentire i polmoni più liberi e aperti.

Per saperne di più, leggi il post: Purifica i bronchi con la respirazione a tamburo >

Buona purificazione!

Come faccio ad accedere alla lezione?

Se sei un abbonato a Yoga n’ Ride, hai già accesso illimitato a questa lezione. Accedi e poi torna su questa pagina per visualizzare il video della lezione.

Se invece non hai ancora attivato un abbonamento a Yoga n’ Ride, puoi dare un’occhiata a questa pagina, dove trovi tutte le informazioni utili a capire come funziona l’abbonamento al sito, ed a scoprire tutti i fantastici contenuti che abbiamo pronti per te.

Altre lezioni che potrebbero interessarti:

10 min Tutti i Liv. Mudra

Brahma mudra

E’ una pratica adatta a tutti, la si può fare in qualsiasi momento, anche prima di una lezione di yoga e/o meditazione.

40 min. Tutti i Liv. Yin Yoga

Yin yogASana

Questa lezione che si chiama YogASana, un gioco di parole tra Asana e Sana che significa sanare, nel senso di guarire delle ferite emotive.

10 min Tutti i Liv. Respirazione

Respirazione antistress

In questo video faremo degli esercizi di respirazione molto semplici ma super efficaci per contrastare ansia, stress e nervosismo.

8 commenti su “Respirazione a tamburo (Mridanga)”

  1. solo una domanda: perché nell’espirazione le dita, prima aperte, si uniscono?

    Rispondi
    • Ciao Riccardo,
      ad essere sincera non conosco la vera ragione. Nei libri di testo che utilizzo come riferimento per le pratiche, viene sempre spiegata in questo modo, ma in nessuno di questi testi ne viene spiegata la motivazione.

      Provando ad eseguire questa respirazione, mi rendo conto che quando si uniscono le dita nella fase di espirazione, l’azione sul torace é piú potente ed intensa rispetto a quando le dita sono separate. Forse, la ragione potrebbe essere che questa azione (con le dita unite), contribuisce a favorire l’eliminazione di anidride carbonica e, di conseguenza, una maggior introduzione di ossigeno cosi che vengano purificati a fondo i polmoni.

      Spero di esserti stata utile, buona continuazione.

      Rispondi
  2. Molto chiara! grazie

    Rispondi
    • Grazie a te Riccardo per le tue parole
      😊🙏🌟

      Rispondi
  3. Ciao Laura, Grazie per la spiegazione di questa interessante tecnica.
    Non mi e’ chiaro se durante l’inspirazione devo appoggiare solo la punta delle dita come se suonassi un piano o se bisogna semplicemente picchettarle insieme con le dita distese.Dalla visione del video sembrerebbe la seconda ma volevo essere sicura di aver capito bene.
    Altra domanda si puo’ utilizzare questa pratica anche nel post influenza ad esempio per favorire l’eliminazione di muco?
    Ti ringrazio per i chiarimenti.Buona serata

    Rispondi
    • Ciao Domenica,
      grazie per il tuo commento 🙂

      Ti confermo che durante l’inspirazione dovresti appoggiare le dita come se suonassi il piano.
      Inoltre ti confermo che puoi utilizzare questa pratica per favorire l’eliminazione di muco nel post influenza.

      Spero di esserti stata utile, buona continuazione, un abbraccio
      Namaste 😊🙏🌟

      Rispondi
  4. ciao laura ottimo questo fa propio x me lo yoga è sorprendente non mi aspettavo una tecnica del genere namastè

    Rispondi
    • Ciao Massimo,
      fantastico! Mi fa super piacere che hai scoperti questa pratica.
      Buona continuazione, un abbraccio 😊🙏

      Rispondi

Lascia un commento